close

eccellenze italiane

eccellenze italianeMusica

Villa Bossi raccontata da Gianluca Sansone Founder www.chineurdechateaux.com

Villa Bossi

Gianluca Sansone, fondatore di “Chineur de Châteaux”,  visita dimore antiche in Italia e trascorre il suo tempo ad ascoltare i ricordi e le emozioni dei loro proprietari” raccogliendo la storia, i ricordi e le emozioni per tramandarle in modo elegante ed esclusivo

Oggi ci parla di Villa Bossi


“La dimora della quale desidero parlarvi oggi è un luogo fantastico intriso di poesia e di musica, si tratta di Villa Bossi, un luogo dove è possibile fare un tuffo nella storia intera della musica.

All’interno di Villa Bossi si respira un’aria speciale di eleganza e di cultura, quella stessa aria che ha respirato anche il soprano Gina Cigna, uno dei maggiori interpreti della Turandot nel 900.

Villa Bossi è una culla per tutti coloro che adorano la musica, gli strumenti, ed ancor più gli strumenti storici a tastiera e ad arco che in villa le abili mani riproducono e restaurano.

Per oltre 4 secoli l’antica famiglia Bossi l’ha abitata, sin dalla famosa vendita del sale, destinata a coloro che risalivano dal lago e percorrevano il grande viale dei Pioppi.

Oggi la Villa è divenuta la dimora della famiglia Bizzi, la cui vita è dedicata alla musica ed all’arte, riscoprendo e valorizzando lo splendido concerto dei meravigliosi affreschi risalenti fino al 1500.

La villa si manifesta con il suo splendore sin dall’arrivo in quel meraviglioso viale immerso nella natura della collina Mirabella, dal quale si giunge poi al settecentesco giardino italiano.

Vittorio viene ad accogliermi proprio all’ingresso di quel fantastico giardino, e con quel suo piacevole atteggiamento ricco di fierezza ed umiltà allo stesso tempo mi dice:

“oggi siamo i proprietari di questa splendida villa, ma ne siamo ospiti e custodi, e pertanto abbiamo una responsabilità”.

Quanti ricordi e momenti magici, quanti musicisti e concerti, da quelli aperti al pubblico a quelli privati, proprio come uno “a sorpresa”, di cui Vittorio mi racconta, quando Olga giunse sin dall’Olanda per festeggiare il compleanno del padre Guido.

Ma questo è solo l’inizio perché queste righe costituiscono poco più di un titolo di quello che è poi il grande concerto di ricordi e di emozioni che solo visitando la villa si potrà ascoltare.”

Gianluca Sansone

Leggi Ancora
Designeccellenze italianeModa

Mara Dal Cin, quando lo stile e la ricerca del bello fanno rima con DNA.

Marta Del Cin

La figura di Mara Dal Cin, Stylist & Designer è tra le più complete quando parliamo di Stile.

La sua  personalità eclettica  spazia tra Arte, Moda e Design.

Conosciamola meglio.

Primo incontro con la moda?

La parola moda non fa parte del mio vocabolario, non la seguo né la ricorro.

Fondamentali  per me  sono  i  modi di essere, di porsi, che valgono molto di più di tanti abiti e tendenze.

Li  ho respirati fin da piccola ed ho imparato che l’autenticità , la manifestazione sincera del proprio essere, è la regola fondamentale per sentirsi   a proprio  agio o semplicemente sé stessi.

La mia contaminazione con  il design, la  passione per lo stile e  l’arte del benessere influenzano e  caratterizzano tutte le mie creazioni e le mie Consulenze di Stile.

Le  collezioni inclusive Luxury Comfort sono un modo di essere ancora prima di vestirsi. Sentirsi autentiche e valorizzate  con le cose che si indossano  per essere sè stesse e  all’altezza in ogni occasione.  

Capi unici, senza costrizioni, senza numeri di taglia, fluidi ma estremamente femminili.

Una sensazione di benessere  che viene percepita  grazie ad  una combinazione  tra funzionalità, estetica e qualità  superlativa dei materiali nobili e naturali..

Da questa ispirazione nascono le Tute Couture, le Gonne double- face , i Caban  ed  i Caftani.

Primo incontro con il design?

Il design inteso come bellezza, sensibilità ed armonia  ha condizionato, da sempre,  in positivo, la mia vita. Fare design   significa  avere quello sguardo, quella sensibilità intorno alla realizzazione di un’idea in tutte le sue fasi. L’intuizione ed  il pensiero che si trasformano  in realtà.

E’ qualcosa di innato  che quando c’è  non ci si accorge nemmeno della sua presenza.

 Il design è diventato la mia professione nel 2009  e lo esprimo in tutte le sue forme  tramite le Atmosfere d’ambiente che realizzo e le mie collezioni per la casa e per la persona.

 Immaginare di migliorare o abbellire  uno spazio, una persona, un evento e vederlo realizzato in tutte le sue espressioni è qualcosa di unico. Design significa “Progetto”, gettare  avanti, avere consapevolezza della realtà ed immaginare come  questa possa cambiare grazie al tuo intervento.

Per parlare di moda e design  è necessario averla vissuti? Studiati?

La sensibilità, il senso estetico necessari per approcciare al  mondo della moda e del design possono fare parte del tuo Dna e puoi averle respirate nel tuo quotidiano ma è palese che  un percorso di studi appropriato ed una formazione continua ed approfondita sia la base culturale e fondamentale per fare bene un mestiere ed avere successo.

Cosa cerca un cliente quando si rivolge a te?

Cerca un professionista al quale affidarsi per la cura dello stile personale e del benessere dell’abitare.

Li aiuto a stare  bene  con gli abiti che indossano e negli ambienti dove vivono perché non c’è niente che dia più felicità del fatto di sentirsi a casa o semplicemente sé stessi.

E’ per me fondamentale realizzare ambienti ed abiti che sappiano accogliere e procurare benessere grazie ai quali potersi riconoscere e sentire a proprio agio.

Ascolto ed osservo i miei clienti per poter prendermi cura della loro immagine e dare anima e coerenza agli spazi  dove vivono rispettando la loro personalità e le loro abitudini.

Quanto contano i social oggi ?

Contano sicuramente tanto, influenzano e guidano le tendenze e le abitudini.

Personalmente ho preso un po’  le distanze perché sono contraria a tutte le omologazioni e non voglio essere ne condizionata ne contaminata dalla massa perché la semplicità e l’eleganza sono da sempre le componenti  essenziali  delle mie consulenze di stile e delle mie creazioni.

Cosa non può mancare in un guardaroba femminile?

Un completo intimo in pizzo, una sottoveste, un tubino  nero,   un jeans, una camicia bianca, un trench e  una ballerina.

Quali sono i 3 dettagli che guardi in un outfit?

Gli abbinamenti di colore. Al massimo tre.

L’attenzione al dettaglio.    

L’armonia e l’assenza di eccessi.

Da dove parti per creare la giusta atmosfera in un ambiente?

Gli spazi, i luoghi, come le persone hanno un’anima.

L’atmosfera e lo stile di un ambiente sono quei fattori indefinibili che si percepiscono ancora prima di fermarsi ad osservare. Una musica, un profumo, un dettaglio possono lasciare ricordi indelebili.

Parto proprio da qui e  dalle esigenze del mio cliente, dalle sue abitudini e dai suoi desideri e dal fatto che deve riconoscersi.  

Che si tratti dell’atmosfera di un luogo o dell’immagine di un evento le mie consulenze  vanno sempre oltre le apparenze ed il superfluo.

L’ Armonia,  l’equilibrio ed il  comfort contraddistinguono da sempre i miei progetti di stile e le mie collezioni Luxury Comfort.

Che cos’è per te il bello? 

E’ qualcosa di unico che mi lustra gli occhi, che mi trasmette  un ’energia speciale   e una gran voglia di fare e di essere.

La bellezza dell’arte, dei valori, dei gesti garbati.  Il bello per sempre, l’essenziale, l’assenza di eccessi.  

Poche cose ma di valore e che durano nel tempo e si tramandano superando il tempo e le mode.

Questo  è la mia vision.  

Se potessi andare indietro nel tempo, con quale personaggio  ti piacerebbe interagire e perchè?

Con Coco Chanel.

Adoro da sempre il suo stile rivoluzionario ed essenziale, quella sobria raffinatezza  nel dosare ogni elemento del guardaroba.  

Cosa pensi dell’editoria di settore?

Mi  piacerebbe tornare indietro, quando attendevamo l’uscita in edicola di Vogue,  per vedere le anteprime delle sfilate e le nuove tendenze.

Oggi tutto è cambiato, non ci sono più le aspettative, i bloggers, i socials e le riviste online hanno preso il sopravvento.  

Grazie per la piacevolissima chiacchierata

Intervista in collaborazione con Paillettes Sorridenti

Leggi Ancora
eccellenze italianeModa

Marco Il Camiciaio

Marco Il Camiciaio

Fin dall’antichità le camicie sono state una parte fondamentale dell’abbigliamento e ancora oggi, specialmente per un Uomo è un dettaglio che fa la differenza, tessuto, bottoni, colli,

Abbiamo deciso di fare 4 chiacchiere con Marco Giannetti per farci raccontare da dove nasce la sua passione per le camicie

Primo incontro con la moda ?
Il mio primo incontro con la Moda nel 2006, qunado ho dato vita alla mia piccola ed adorata bottega.
Ogni giorno vesto i panni di colui che consiglia e che sente il bisogno di respirare polvere di cotone,
di udire le mie forbici che tagliano tessuto e di respirare il favolo profumo dellólio delle mie macchine da cucire.

Per parlare di moda è necessario averla vissuta?
Io personalmente sono ossessionato dal conoscere, dal Mondo che ha circondato un indumento cosi’ comune oggi
ma anticamente realizzato solo per pochi prescelti. Se pensate che anticamente la camicia veniva presentata come segno di omaggio al re, con infinite cerimonie che coinvolgevano stuolo di gente.

Pensate soltanto che era l’indumento che contraddistingueva le persone in classi sociali.

Studiata?

Ovvio, io sono un artigiano ed oltre ad avere una preparazione tecnica vivo le mie giornate entrando nella quotidianità ‘dei miei clienti.
Fare una camicia su misura non significa soltanto farla tecnicamente bene, ma entrare nella mente di colui che la porterà’ e cercare di farlo sentire bene ed a proprio agio.
Tanti pensano che “prendere le misure” significhi prendere tecnicamente un centimetro e segnare.

In realtà quando due pugili si studiano ,ad inizio incontro, si stanno prendendo le misure
e quindi ecco il significato vero di questa frase, studiare e dialogare chi hai di fronte e per fare questo occorre molta preparazione.

Da dove nasce la tua passione per le camicie ?
All’eta’di sette anni, quando osservavo mio Papà, impiegato statale, che vestiva queste meravigliose creature.
Io ero un bambino sovrappeso e desideravo vestire e capire com’erano fatti quest’indumenti. Troppo grasso per trovarne da bambino e troppo piccolo per poterne portare una da adulto.
Quel Natale mi feci regalare dalla mia adorata Mamma una macchina da cucire, cosi’ cominciai a rubarle a mio padre, attendere che mia mamma andasse al lavoro e
smontarle sul tavolo della cucina per capire e subito dopo tentare di rimodellarle su me stesso.
Inizialmente mia mamma decise di portarmi dallo psicologo, ma dopo anni capi’ che ero visceralmente attratto da questo storico indumento.

Quali sono le tipologie di camicie più richieste ?
Non esiste una camicia piu’ richiesta.

Realizziamo capi molto diversi, ogni nostro cliente ha la propria esigenza e cerca aiuto affidandosi alle nostra sapienza.

Noi facciamo entrare i nostri i clienti all’interno di una bottega cosi’ come si faceva cento anni fa’ mettendolo a conoscenza di tutto quello che faremo e perche’ lo faremo, valori che con l’avanzare della tecnologia stanno andando a perdersi e che noi vogliamo necessariamente far rivivere.

Qual’è il dettaglio che fa la differenza su di una camicia?
Sono molti i dettagli che fanno la differenza. Il tessuto, il taglio, l’adesivatura a dritto, il numero dei punti per centimetro di cucitura, il bottone.
Io in questo sono molto pretenzioso e all’antica, mi piace curare ogni singolo dettagli ridisegnando addirittura
le fodere in preassemblatura proprio per realizzarle perfettamente uguali.

Il dettaglio piu’ importante e’ l’anima che un artigiano mette nel crearla, io spesso ripeto a chi si serve da me che pur pagandola e pur essendo fatta per lui quella camicia rimarra’ per sempre un po’la mia.

Un aneddoto che ricordi con il sorriso?

Un aneddoto che ricordo con piacere fu’ quando ci occupammo di fare delle creazioni per Sergio Castellitto e Giorgio Panariello per la serie Tv “Pezzi Unici” di Cinzia Th Torrini per cui fummo anche premiati.

Per ringraziarci del lavoro svolto, ci invitarono alla prima al cinema “La Compagnia “a Firenze insieme a tutto il cast.
Passando per le poltrone incontrai Sergio Castellitto che mi riconobbe e mi disse: Marco, che piacere vederti.

Spero di non aver fatto sfigurare le tue creature.
Ovviamente rimasi molto colpito di fronte a questa affermazione e in lacrime dall’emozione andai a sedermi al mio posto. Questo e’ un ricordo che porterò per sempre nel cuore e nella mente.

Quanto contano i social oggi nel tuo mondo ?

Molto, moltissimo. Io curo personalmente ogni singolo post sia su Instagram che su Facebook.
Non mi piace mercanteggiare ma trovo che pubblicare cio’ che si e’ e cio che si crea con passione sia il modo migliore per

divulgare sapienza e gusto.

Che cos’è per te la moda?

La Moda serve a colore che non hanno abbastanza forza e coraggio per crearne una propria.
In questo mi rivendo molto in quella famosa frase di Coco Chanel

La moda e’ fatta per diventare fuori moda”

Se potessi andare indietro nel tempo, con quale personaggio ti piacerebbe interagire e perchè?

Il Principe di Metternich, uno degli uomini piu’ eleganti del XIX secolo.
Uno dei primi ad indossare un colletto a punte rigide accompagnato da un frac.

Cosa cerca il cliente che si rivolge a te ?
Cerca il coraggio di trovare il suo stile, cerca il sentirsi bene e sicuro nel vestire una camicia, cerca la tranquillità di portare all’altare la futura moglie ed essere con un outfit che lascerà senza fiato.

Cosa non deve mancare in un guardaroba maschile ?
Il coraggio di osare.

Le persone quando aprono le porte del loro armadio devono avere il coraggio di andare oltre e non la costante paura di essere ridicole e senza capire che non esiste il ridicolo ma esiste cio’ che ci rende diversi e magari migliori.
Chi critica il diverso lo critica soltanto perche’ non ha il coraggio di sporgersi oltre la ringhiera.

Grazie Marco per la piacevole chiacchierata .

Intervista in collaborazione con Paillettes Sorridenti

Leggi Ancora
eccellenze italianeEventiModaspettacolo

Paillettes Sorridenti: la Moda per Sociale.

Paillettes Sorridenti

Paillettes sorridenti  una Serata di Gala che coinvolge Imprenditori, Professionisti, Politici, Giornalisti e Campioni dello Sport, oltre ad alcuni rappresentanti del mondo dello spettacolo e delle Arti, facendoli  sfilare nei panni di Modelli e Modelle d’eccezione.

I protagonisti indosseranno le griffe più note, con gioielli di brand prestigiosi, con accessori glamour.

Paillettes Sorridenti, l’evento ideato da Tiziana Noia unisce moda e sociale è giunto alla sua quinta edizione, con un fine nobile e benefico; quello di raccogliere fondi

“Una volta all’anno Tiziana ha deciso di dedicarsi ad una causa nobile che ogni volta individua tra le situazioni di emergenza e fragilità e sostegno”.

Tutti i protagonisti coinvolti hanno deciso di partecipare gratuitamente e donare il loro tempo e la loro immagine per attirare pubblico e donazioni;

Per meglio far comprendere l’importanza in continua ascesa di questo evento benefico diamo qualche numero:

La prima volta i modelli erano 40, le persone in piazza ad assistere alla sfilata erano 500, l’anno successivo i modelli erano 80 e il pubblico era composto da 4700 persone.

Il concept del Progetto Paillettes sorridenti nasce una decina di anni fa a Parigi legato alle Galéries Lafayette l’’idea da sviluppare all’interno dei magazzini doveva avere un appeal mondano ma legato al charity ..

Successivamente si spostò a Milano per poi arrivare nel Settembre 2018, a Grado,

Il claim paillettes sorridenti nacque una notte nella quale Tiziana Noia invitando una sua amica a sfilare si senti rispondere negativamente, perché in quel momento aveva un problema di salute, fu allora che Tiziana rispose: non ti preoccupare, prima o poi un abito di paillettes, ma paillettes sorridenti, perché significherà che stai bene, per te ci sarà sempre .

Il 18 Settembre 2021 sarà Iesolo protagonista dell’evento…..

Evento segnalato da Fondazione Mazzoleni

Leggi Ancora
Attualitàeccellenze italiane

Il Cenacolo di Arturo Artom incanta Roma.

Il Cenacolo di Arturo Artom

La seconda edizione romana del Cenacolo di Arturo Artom si è tenuta a Roma  In una terrazza affacciata sui Fori Imperiali.

Ospite d’onore è stato il grande Gabriele Lavia.

Presenti tra gli altri importanti ospiti il  Vicepresidente del Coni Silvia Salis, Fausto Brizzi, Serena Bortone, l’imprenditore Paolo Barletta, il responsabile delle relazioni esterne dell’Aci Ludovico Fois, il presidente dell’associazione mobilità sostenibile Matteo Tanzllli ed il presidente di Cultura Italiae Angelo Argento. .

Il Cenacolo di Artom

Un format televisivo, dove il padrone di casa, Arturo Artom ,ospita leader provenienti da differenti settori, dall’arte al design, dall’imprenditoria allo spettacolo, personaggi che raccontano la propria vita condividendo il mix unico di talento e fortuna che li ha portati al successo e si confrontano scambiandosi idee e prospettive sul futuro.

Leggi Ancora
eccellenze italianeLussoModa

-2 Luglio- Alpemare Forte dei Marmi ospita “Un’Estate Eccellente” la stilista Angela Bellomo presenta la sua nuova collezione.

Angela Bellomo

il 2 luglio a Forte dei Marmi nella meravigliosa cornice del “Bagno Alpemare” organizzato da “Il Salotto di Milano” e presentato da Jo Squillo , Angela Bellomo farà sfilare la sua nuova collezione ispirata al total color .

Prima di aprire il suo Atelier la stilista ha dedicato tutta la sua vita all’alta moda sartoriale rivestendo il ruolo di stylist e direttrice creativa per griffe di fama mondiale.

Angela Bellomo è diventata oggi un eccellenza nel panorama dell’haute couture sartoriale grazie alla ricercatezza e lo stile senza tempo che contraddistinguono da sempre le sue collezioni rigorosamente Made in Italy.

Leggi Ancora
eccellenze italianeEventiLusso

Ekaros – Interior Design OPEN SUMMER PARTY 3 LUGLIO 2021 ore 18.00.

Ekaros - Interior Design

COCKTAIL, MUSICA DAL VIVO E BRAND ITALIANI

Sabato 3 luglio dalle ore 18:00 Rossella ed Ekaterina, Interior designers, inaugurano il nuovo showroom di EKAROS – Interior Design nel cuore storico di Forte dei Marmi Piazza Marconi, 4. Protagonista della serata insieme ai luxury brands italiani sarà Jonathan Kashanyan. noto personaggio televisivo e conduttore radiofonico.

Durante l’evento verranno presentate diverse aziende italiane legate all’home dream, tra cui CorteZari, sponsor ufficiale, che fin dagli anni ’60 progetta e produce soluzioni di arredo di lusso dal gusto classico e contemporaneo.

Nella location saranno presenti anche le splendide composizioni di fiori artificiali di VGNewtrend miscelate a lampade e complementi d’arredo di Masiero, Karman, Adriani e Rossi e Le porcellane, che da sempre si distinguono per la qualità e il loro stile unico.

Ogni senso sarà appagato in questa evento in cui i marchi di home fragrance presenti in boutique proporranno un’esperienza olfattiva per evocare emozioni e ricordi di Ekaros accompagnati dalla melodia della chitarra classica con un flute tra le mani.

Piazza Marconi 4 – Forte dei Marmi

Ore 18 00
www.ekaroshome.i
t

0584 332309Invia

info@ekaroshome.it

Leggi Ancora
Attualitàeccellenze italianeInterviste

Intervista a Nicoletta Sartore Direttore Operativo di “ELITE Cycling”

elite cycling

Quando parliamo di  Elite  Cycling difficile utilizzare il singolare, tanta è l’ abitudine che il fondatore, Amerigo Sartore e i figli hanno trasmesso al team a lavorare in gruppo, dando la giusta importanza ad ogni singolo componente, grazie a tutti i tasselli è stato possibile comporre il puzzle di questa realtà Veneta divenuta eccellenza italiana nel Mondo.

Abbiamo fatto qualche domanda a Nicoletta Sartore, Direttore Operativo dell’azienda  lasciando a lei il compito di raccontare l’’Azienda di Famiglia.

L’amore per il ciclismo da dove nasce?

Mio padre era sempre stato affascinato da questo sport, fatto di fatica e coraggio, imprese eroiche e grande passione. 

Fu lui a scegliere quella che probabilmente è la più intensa fotografia di tutti i tempi legata al Mondo del ciclismo,

Coppi e Bartali nell’atto del passaggio della borraccia ( chi a chi , ancora oggi non è stato possibile saperlo, e forse è meglio così ), che oramai appartiene all’immaginario collettivo degli italiani e degli appassionati del settore: un solo scatto è in grado di raccontare mille storie condensando sofferenza, passione ed il dolore, mettendo in risalto i veri valori dello sport, solidarietà, rispetto e lealtà.

La tecnologia nel settore in cui  ELITE è un’eccellenza è fondamentale per rimanere ai vertici mondiali e competitivi , quanto conta rimanere aggiornati e innovativi?

L’innovazione e’ fondamentale, l’azienda e’ nata 42 anni fa con una vocazione commerciale e marketing ma dopo alcuni anni il focus e’ stato portato alla ricerca ed innovazione.

Ogni anno usciamo con 5/6 nuovi prodotti, siamo in 60 in azienda e 20 collaboratori lavorano nell’area tecnica. 

Quanto è importante il peso di ogni singolo componente nel ciclismo?

E’ molto importante per i nostri clienti che praticano l’attività ciclistica in ambito agonistico, soprattutto nell’affrontare le salite.

Per questo abbiamo sviluppato molti prodotti dove una delle caratteristiche principali, oltre alle prestazioni ottimali, e’ anche la leggerezza. Abbiamo realizzato portaborracce in carbonio made in Italy e borracce con un peso del 40% in meno rispetto alle normali borracce di plastica.

Che importanza ha il design nel vostro settore ?

Anche questo e’ una componente importante, si sta bene quando si e’ circondati da cose belle.

Per questo nei nostri prodotti curiamo l’aspetto tecnologico e funzionale ed anche il design, in modo tale che l’utilizzo sia appagante, perchè si sta bene con una bella esperienza d’uso ed anche un bel prodotto con cui circondarsi.

Come scegliete i testimonial ?

Non abbiamo veri e propri testimonial, ma collaboriamo con molte squadre professionistiche.

La collaborazione con loro e’ molto importante, il loro utilizzo dei nostri prodotti ad altissimi livelli ci permette di testarli e sviluppare assieme a loro miglioramenti continui.

Il nostro obiettivo e’ che i ns veri testimonial siano i ns clienti, contenti dei prodotti che pensiamo per loro e del servizio che gli offriamo.

AMBASSADOR ELITE CYCLING

Ci racconti la mission dell’ELITE?

Vogliamo migliorare continuamente il modo di praticare il ciclismo, perchè sempre più persone possano avvicinarsi a questo sport e per dare prodotti sempre più performanti ai nostri fidati clienti.

Una delle immagini storiche che entrando in azienda rimane impressa è la fotografia che ritrae Coppi e Bartali nel passarsi la borraccia, ancora oggi ,non si ha la certezza di chi l’abbia passata a chi , quanto conta il codice etico in Azienda?

E’ importantissimo, il rispetto per i nostri clienti e per i nostri collaboratori e’ essenziale per noi. 

Il nostro e’ un ambiente competitivo ma sano, anche fra concorrenti, ci si sfida come nel ciclismo, per arrivare per primi, ma con grande rispetto per tutti.

Quanto è importante il team per Elite ?

Fondamentale, Elite non sarebbe quella che e’ se non ci fossero i collaboratori che ci sono, siamo una grande squadra. Investiamo molto sulla formazione dei collaboratori, per far sviluppare i loro talenti e permettere loro di esprimersi al meglio le loro capacità. 

Se potessi incontrare un grande legato al mondo del ciclismo del passato , chi sceglieresti e cosa gli chiederesti ?

E’ troppo banale se dico Coppi e Bartali ? Mi piacerebbe farmi raccontare la loro rivalità e collaborazione, com’era per loro affrontare assieme le loro grandi sfide.

Mi racconti un aneddoto che ricordi con il sorriso ?

Mi rende sempre molto orgogliosa quando vedo con quale passione i nostri collaboratori inseguono  i nostri obiettivi, come sentono loro l’azienda e come danno il massimo per ottenere i migliori risultati. Gli esempi sono molti e li si possono vedere sempre, da quando andiamo assieme in fiera e tutti si mettono al lavoro, dall’allestimento all’accoglienza dei clienti sino allo smontaggio dello stand, tutti assieme senza risparmiarsi,  solo perchè nn e’ quello il loro ruolo.

Sino a quando accogliamo i ns clienti in azienda, tutti si danno da fare per far sentire il cliente a suo agio e per mostrargli cosa fanno loro in azienda e quale contributo danno alla nostra realtà.

Il Fiore all’occhiello di Elite Clycling

FUORIPISTA

Adriano Design ha progettato per l’Azienda Veneta una bici iconica che combina bellezza scultorea e architettonica con funzionalità straordinarie, consentendo sessioni di allenamento che ricreano fedelmente una vera gara su strada in bici.

“Come un gruppo sportivo ci alleniamo, selezioniamo i nostri obiettivi stagionali, decidiamo le tattiche, lanciamo i nostri campioni per raggiungere i traguardi più prestigiosi”

Amerigo Sartore

Fondatore di Elite Cycling

Grazie per la tua disponibilità e il tempo che ci hai dedicato

Leggi Ancora