close

Sławomir Ciebiera

Attualità

Sławomir Ciebiera: Il management di FCA Polonia è una patologia!

Sławomir Ciebiera

“I lavoratori non sono robot, un lavoratore stanco è PERICOLOSO! Perché rappresenta una minaccia per se stesso e per i suoi colleghi. Costringere le persone a lavorare in condizioni disumane è una forma schiavitù moderna!” Afferma Sławomir Ciebiera, ex vice capo di Śląsko-Dąbrowska di NSZZ Solidarność. “Vorrei suggerire ai dirigenti di FCA Polonia che la cosiddetta disponibilità delle persone a fare gli straordinari non ha nulla a che fare con la pratica Flexsibiliti (la pratica del lavoratore flessibile), che va di moda tra voi. C’è più lavoro?

Assumiamo più lavoratori” sottolinea in un’intervista a Krzystzof Przybylak, sindacalista noto in Polonia, soprattutto in Slesia, che da anni conosce il sistema del lavoro in FCA Polonia.

Di cosa si tratta?

La direzione dello stabilimento Fiat di Tychy in Polonia pensava che avessi già messo l’argomento nel cassetto. Tuttavia, questa non è la fine della serie, dove rivelo la patologia che è diventata una soluzione sistemica in FCA Polonia. Inoltre, ora il mio alleato, a quanto pare, l’Ispettorato nazionale del lavoro (PIP) che per qualche motivo (hahaha) è entrato nello stabilimento lunedì (6 giugno 2022) con un controllo dell’orario di lavoro.

Presto conosceremo i risultati, di cui non mancherò di informarvi. Oggi vi invito a un colloquio con un uomo che per molti anni ha messo in guardia i lavoratori e il management della Fiat in Polonia, e alla fine ha detto basta e ha lasciato il suo lavoro a tempo pieno nel sindacato Solidarietà, perché…. Qui lascio per il momento il velo del silenzio, perché questo è un argomento per un’altra intervista.

Sig. Sławomir, come concordato, i dipendenti di FCA Polonia a Tychy avrebbero dovuto iniziare un turno da domenica notte alle 22:00 per finire il lavoro in 2 settimane sul secondo turno alle 22:00, ovvero la direzione della fabbrica voleva costringere i dipendenti a lavorare per 13 giorni consecutivi senza il giorno di riposo legale tra le singole settimane lavorative, nonostante ci sia una settimana lavorativa di 40 ore in Polonia! Ha sentito parlare di un tale sistema di lavoro al di fuori di FCA Polonia?

Le patologie sociali sono comportamenti che ne l’equilibrio delle persone. La patologia è il non rispetto di norme e valori generalmente accettati. Parlo in modo così tagliente, ma torno al giugno 2012, quando ho preso parte l’ultima volta a un picchetto nella FCA a Tychy, posso dire che da allora, sono passati quasi 10 anni e la situazione non è troppo cambiaa. Anche se vivo e lavoro in Germania, non ho perso i contatti con i miei colleghi in Polonia. So cosa sta succedendo, specialmente nel mio settore preferito: l’industria automobilistica.

Rispondendo alla lettera alla sua domanda, purtroppo mi devo pentire (attualmente non sono rappresentante sindacale) di dire che situazioni simili a FCA Polonia (enorme quantità di straordinari) sono un fenomeno quasi comune in Polonia. Può essere una piccola consolazione, ma in Germania è lo stesso, anche se i sindacati tedeschi SEMBRANO FORTI (ma questo potrebbe essere un argomento per un’intervista a parte).

Quanto al sistema stesso (13 turni), non ho sentito che sia stato introdotto nella “motorizzazione polacca”. Ma sui tentativi di introdurre già sistemi simili (ad esempio una volta, anni fa, un sistema simile è stato provato in Opel a Gliwice).

Secondo lei, il management di FCA Polonia ha qualche diritto di obbligare i dipendenti ad una tale mole di lavoro, perché, come spiega, il personale deve essere flessibile e rispondere alle sfide del mercato, perché c’è un notevole incremento negli ordini di auto?

Gli straordinari sono purtroppo ovunque. E questo argomento in FCA è un incubo che vedo e sento da anni. Il lavoro straordinario può essere più o meno gravoso. Purtroppo questo sistema introdotto in FCA è sicuramente molto gravoso, perché sorge subito la domanda, come si relaziona la giustizia sociale con esso? Dov’è il tempo per la famiglia? E la domanda più importante, quando un dipendente deve riposare e rigenerarsi? Torniamo al sistema comunista del lavoro? Oppure è un’inefficienza nella gestione delle risorse umane e dei processi produttivi? O forse le corporazioni straniere in Polonia creano campi di lavoro e i polacchi saranno gli schiavi bianchi d’Europa? La risposta deve essere inequivocabile: ncapacità, sì, questa è la caratteristica propria del Management Board di FCA Polonia. Incapacità di gestire le persone, di condurre il dialogo sociale. Io stesso di dieci anni fa, ho chiesto personalmente alla Direzione Fiat di utilizzare i sistemi umani che c’erano in Fiat e ho avvertito che altrimenti sarebbero stati visti come un campo di lavoro. Saranno paragonati al sistema dei banditi che era già in Polonia, impostoci da due occupanti (lavoro forzato, lavoro schiavo).

E cosa le hanno detto, ascolteranno i consigli e gli avvertimenti?

Sfortunatamente, non hanno ascoltato e sono persino passati a un livello più alto del “campo di lavoro”.

Come valuta la situazione che le è stata descritta? Cosa ne pensa di tutto questo?

Mi riferirò solo a questa situazione specifica, l’introduzione di questo sistema a 13 turni. Questo è un fallimento totale del dialogo sociale. Purtroppo mi dispiace dire che è anche un fallimento dei sindacati. Nonostante il mio carattere (arrabbiato contro un sistema che non ascolta), credo che solo il dialogo sia ancora oggi il metodo migliore per risolvere i conflitti, discutendo le questioni più difficili.

L’esempio più vivido del fallimento del dialogo sociale e internazionale, di tutta questa cosiddetta diplomazia, è oggi la guerra in Ucraina, ad esempio dove qualsiasi forma di dialogo e diplomazia sia fallita.

Le istituzioni statali come il PIP o l’ufficio del pubblico ministero non agiscono in questi casi. Qual è il motivo?

Come ho detto prima, quella degli straordinari senza considerazione della persona e della sua vita è una vera piaga, ma è un argomento estremante difficile. Ci sono sempre dipendenti in ogni stabilimento che vogliono fare gli straordinari e alcuni che non vogliono fare.

Un ruolo enorme in questa materia spetta sempre ai sindacati e, naturalmente, al PIP e alla procura come ultima risorsa, ma qui a FCA Polonia, qualcosa non funziona da anni.

Il Sig. Sławomir, durante il Carnevale della Solidarietà, uno dei postulati ha parlato di sabati liberi. Tuttavia, dopo più di 40 anni i dipendenti sono costretti a lavorare di nuovo i sabati.

Ma ora non solo il sabato, perché questo è uno standard (sistema di lavoro a 6 giorni) in FCA Polonia, ma si vuole costringere i dipendenti a lavorare la domenica e un Sistema di lavoro continuo di 13 giorni senza giorno libero. Cosa è andato storto nella Terza Repubblica Polacca?

Oggi, gli affari in Polonia così, come nel resto dell’Europa e penso che siano molti i predatori in tutto il mondo, questa predazione ha molti ingredienti. Alcuni di questi sono la massimizzazione del profitto, la minimizzazione dei costi, la competitività. Guardando FCA Polonia, purtroppo il nostro stato consente tali attività. Varie istituzioni lo consentono, anche i sindacati stessi purtroppo. Lavoro la domenica, lavoro il sabato.

Non dovrebbe essere così. Che cosa è andato storto?

Per viziarti, rovinare la Polonia con una cattiva legge, che ha danneggiato, tra l’altro l’etica negli affari, questo è particolarmente visibile  tra imprese e istituzioni statali.

Gli affari devono essere etici! Perché senza buoni rapporti tra datore di lavoro e dipendenti e senza il rispetto reciproco di entrambe le parti è impossibile gestire un’impresa senza gravi conflitti.

E ignorare l’etica porta direttamente al confitto.

I sindacati in FCA Polonia sono passivi, e sembra che abbiano sventolato bandiera bianca e non reagiscano a evidenti violazioni del diritto del lavoro e delle libertà civili, e nemmeno legittimano tali azioni del management? Come chiamarlo?

 C’è bisogno di sindacati forti e saggi, brave persone devono essere riunite. Serché sono arrivati ​​tempi molto difficili, il mio appello a tutti i sindacati di FCA Polonia: lasciare andare i pregiudizi, dimenticare ciò che ci separa.

Solo uniti si sarà forti e si potrà aiutera i dipendenti, le loro famiglie. Lottare insieme. Questi non sono slogan. “Guarda ad est, è giunto il momento”.

Secondo una ricerca di mercato, affinché un dipendente di FCA Poland possa assemblare un’automobile, 4 dipendenti devono lavorare per produrre le parti.

Cosa consiglierebbe ai dipendenti di FCA Polonia e di altre aziende del settore automobilistico in una situazione del genere?

La cosa bella sarebbe unire tutti i lavoratori! Quelle delle principali società e imprese, società madri, con società figlie.

Tutti i dipendenti delle aziende che hanno collaborato, in un unico sindacato che riunisse le aspettative dei dipendenti.

A quale scopo?

Trattare tutti allo stesso modo. Gli stessi salari, lo stesso “welfare”, gli stessi sistemi di lavoro.

C’è un modo indiretto per farlo: un contratto collettivo di lavoro.

Sì, un contratto collettivo di lavoro di settore. È tempo di soluzioni del genere, certo si dovrebbero cambiare le regole in questo caso!

Grazie per il suo tempo.

Krzysztof Przybylak ha intervistato Sławomir Ciebiera.

In collaborazione con Pressmania

Leggi Ancora