close
Arte

1,2,3… “DALÌCE” – SILVER PLACHESI a cura di Maria Marchese

SILVER PLACHESI

Il 2 giugno 2022, si inaugura DALÌCE” , la mostra personale di Silver Plachesi, a cura di Maria Marchese.

In un attimo, il tempo di uno scoccar di dita, l’artista bergamasco ritaglia lo spazio per una fuga, tanto fantastica quanto necessaria, dalla terra del senso; libera, indi, un suolo artistico inusuale, laddove l’arte viene celebrata come esperienza polisemantica.

L’autore si siede, oggi, affianco a Salvador Dalì, per rivivere, con un nuovo sguardo, le colorate vicende di “Alice in Wonderland” …

Nel 1865, Luis Carroll, alias Charles Lutwidge Dogson, fascina l’universo dell’infanzia e quello adulto, raccontando il curioso viaggio di una fanciulla, addentro il susseguirsi di assurde “stanze erratiche” , pullulanti di figure antropomorfe, di dialoghi espressi nel contesto di un pentagramma idiomatico apolide e fuori del comune, di contesti spaziali privi di ogni fermo riferimento….

L’artista spagnolo, invece, negli anni ’30, iniziò a realizzare delle tele, la cui protagonista si chiamava Caroline. La rappresentava con il volto chino e una veste bianca… con fattezze quasi spettrali. La motivazione è che, all’età di 10 anni, apprese della morte per meningite di una nipote della sorella della nonna: ciò lo traumatizzò. Nel tempo, però, il soggetto della tela evolve: l’autore la esprime, in ultimo, mentre salta alla corda.

Poi le cambia il nome: da Caroline a Alice. Alice diventa l’effige dell’innocenza bambina, dell’adolescenziale femminilità in un eterno Eden, meritevole unicamente di vivere leggerezza e gioia.

Nel 1969, alfine, sintetizza il surreale viaggio di Carroll e questo suo cambiamento, traducendoli in una eliografia e 12 mirabili litografie.

“Chi sei?  chiese il gatto ad Alice

“Davvero non te lo saprei dire, ora. So dirti chi fossi, quando mi sono levata questa mattina, ma d’allora credo di essere stata cambiata parecchie volte.”

          Alice in wonderland-Alice e il gatto

Silver Plachesi forgia, alfine, una preziosa chiave, per rileggere le folli vicende di questo favoloso convivio: ammannisce, sul desco di Cappella Marchi, un tempo votata al culto sacro, la sacralità dell’essere umano e della sua maturazione.

Dispone, in tal senso, un profondo confronto, tra le sue creature, che sorprendono, così, il ciglio e altresì la mente, coinvolgendo l’osservatore nella sfera della riflessione.

Chi sarà Alice, il 2 Giugno?

Chiunque varchi quell’aleph…

Borges figura quest’ultimo, nel suo racconto, come “il luogo dove si trovano, senza confondersi, tutti i luoghi della terra, visti da tutti gli angoli”.

Silver Plachesi esce, quindi, dalla “cornice di senso” e giunge alla concretezza eteroglossa del “non luogo” .

Giunti a “DALÌCE” , quindi, ci accoglierà un Salvador Dalì dandy, la cui spalla è carezzata da una gallina.

Essa rappresenta la maternità, mentre l’uovo, soggetto tra i suoi prediletti, involve l’ossimoro molle/duro e simboleggia anche il grembo, in cui l’individuo ha modo di crescere, nutrito e protetto, per affacciarsi a nuova vita.

Molteplici sono le opere di Dalì, che coinvolgono “nucleo” , da “Il grande masturbatore” , a “Geopolitico che osserva la nascita dell’uomo nuovo” , a “Leda atomica” , a “La metamorfosi di Narciso” .

Peraltro, in una nota foto, l’artista spagnolo accompagna la sua personalità autocentrata con un Gallo, effigie di potere. Lo scultore bergamasco chiama a ruolo, in “DALÌCE” , quest’ultimo, per rammemorare e l’imperio e il risveglio, in una nuova alba conoscitiva.

              “Per quanto tempo è per sempre?

                    “A volte, solo un secondo”

     Alice in wonderland – Alice e Bianconiglio

Una diade di orologi fa compagnia al Dalì di Silver Plachesi: uno fisico, nel taschino, e uno liquefatto, accanto alla gallina. Prende corpo, allora, la verità di un tempo alternativo: un diastema sperimentativo diverso comporta, infatti, l’incedere di istanti diaconici rispetto alle lancette di un comune dispositivo.

Non poteva mancare, quindi, il “Bianconiglio ” , che, succube di un’ora amplificata, deve disbrigare i propri impegni sociali, tra cui presenziare al cospetto dei regnanti, durante il “rito del tè di ogni ora” .

“È sempre l’ora del tè, e negli intervalli non abbiamo il tempo di lavare le tazze”

                        Alice in wonderland

Due preziose Sedute, realizzate da Silver Plachesi, poeteranno questo cerimoniale, necessario momento di confronto.

                         “Tagliategli la testa”

                              Regina di cuori

A questo appuntamento sempiterno, Alice incontrerà re, regina e Carte soldato.

Dalì, come Plachesi, come Leonardo Sciascia, ne “Le favole della dittatura” , raddolciscono, con una fanciullina narrazione, l’amara pozione imposta dalla dittatura e dalla guerra.

                         “So quel che pensi”

Superior stabat lupus: e agnello lo vide nello specchio torbido dell’acqua. Lasciò di bere, e  stette a fissare quella terribile immagine specchiata. “Questa volta non ho tempo da perdere” disse il lupo: “Ed ho contro di te un argomento ben più valido dell’antico: so quel che pensi e non provare a negarlo”. E d’un balzo gli fu sopra a lacerarlo.

Le favole della dittatura, 1960-Leonardo Sciascia

L’intellettuale siciliano, Fedro e Orwell adottano un linguaggio scarno, seppur adatto ai bambini, offrendo, al lettore, una visione asciutta e irreversibile dello stato delle cose.

Alice rise:  “È inutile che ci provi, disse; non si può credere a una cosa impossibile.

“Oserei dire che non ti sei allenata molto-ribatté la Regina. Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz’ora al giorno. A vote riuscivo anche a credere a sei cose impossibili prima di colazione. “

        Alice in wonderland – La regina e Alice

Le illustrazioni di Salvador Dalì sono, invece, il policromo, geniale e positivo alfabeto di una composizione, in cui “joie de vivre”, insegnamento e genialità confondono le carte in tavola. Così, anche lo scultore di Bergamo ravviva sopiti detriti, memoria di un passato, in cui la legge del “necessario” ne aveva declinato l’esistenza, per, poi, annichilirla, riammantandoli di una giocosa, pregiata e fruttuosa veste. In Dalìce, Silver Plachesi polverizza anche la disputa tra velocità e lentezza, facendole coesistere nell’ “abbraccio” tra il fantasmagorico Turbovolatile, la Tartaruga e la Lumaca.

Polverizza, invero, anche la querelle tra condizione adulta e verde età, levità e pesantezza, che vedono Alice crescere e rimpicciolire in continuazione, liberando, tra le trame e gli orditi di quest’avventura artistica, la presenza dell’ Elefante e dell’Ape.

“Il modo di ragionare degli animali è terribile” disse tra sé. “Ci sarebbe da diventar pazzi!”

            Alice in wonderland – Alice

Silver Plachesi poserà, alle pareti di quest’esperienza estetica inconscia, Libellule e Coccinelle, celebrando tanto la leggerezza, come condizione “sine qua non” per amare la follia, quale  stato che allontana dalla banalità per regalare una cifra distintiva di spessore e peculiare, quanto il pensiero felice e beneaugurante.

C’è un’altra artista, che omaggia Alice, elogiando, con Essa, la follia: è la giapponese Yayoi Kusama. L’autrice immila il pois, la sua ossessione, in immagini che conservano alcuni riferimenti fortemente caratteristici dei personaggi, enfatizzandone le azioni con colori psichedelici.

Yayoi Kusama, ultraottantenne, affetta da disturbi ossessivo compulsivi e di percezione della realtà, vive, per scelta, da anni, in un manicomio in Giappone

L’opera, editata e presentata nel 2013, è particolarmente articolata, come, del resto “Dalìce” : in entrambi i casi, è presente una stratificazione di fondo sottile, che consente di approfondire una conoscenza di sé e dell’altro, in cui la parola “normalità” non è più contestualizzabile.

“Ultimamente erano successe tante di quelle cose strane che Alice aveva cominciato a credere che di impossibile non ci fosse quasi più nulla.”

              Alice in wonderland – Alice

Silver Plachesi omaggia l’arte e la società con uno spaccato esperienziale, in cui, sedersi al tavolo per un te, è diletto per l’occhio, la mente e l’anima.

L’autore ribalta zolle di terra ormai rassegnate e immobili, evocando pensieri pronti per gemmazioni inconsuete.  

 L’esperienza espositiva è stata curata dalla poetessa e curatrice comasca Maria Marchese, in collaborazione con Lorenzo Belli.

Media Partners dell’evento saranno EXIT URBAN MAGAZINE e Art&Investments, dell’editor Alessio Musella, Oubliette Magazine, il blog personale “Ilrapinososcrivere” e “Maria Marchese scrittrice”, di Maria Marchese.

La mostra sarà inaugurata il 2 giugno 2022, alle ore 18. 00, e sarà visitabile fino 22 giugno, presso Cappella Marchi, nella Chiesa delle Madonna del Carmine, Via G. Lombardi 38,  nella città di Seravezza (LU).

Gli orari saranno i seguenti:

9.30-12.30/ 16.00-19.00

Venerdì, Sabato e domenica.

Gli altri giorni su appuntamento.

CONTATTI:

Alessio Musella: editor e art curator

mailto:exiturbanmagazine@gmail.com

3510176661

Art curator : Maria Marchese

Mary.up74@gmail.com – 348 8959814

Art curator: Lorenzo Belli

mailto:info@openartproject.it  – 3939797947/

375 568 6211 

Leggi Ancora
1 2 3 4 5 44
Page 3 of 44