close

search for: giulio

Attualitàcultura

Giacomo Maria Berutto, Ambasciatore dell’Ordine dei Cavalieri di Malta.

Giacomo Maria Berutto

Abbiamo intervistato l’Avv. Giacomo Maria Berutto , Ambasciatore dell’Ordine dei Cavalieri di Malta , per conoscere meglio questa istituzione nata come ordine monastico militare nel 1048 circa.

L’Ordine di Malta è un ordine religioso laicale, soggetto di diritto internazionale che segue con zelo le proprie origini e svolge servizi di assistenza. rivolti ai bisognosi e alla cittadinanza in diverse aree del mondo.

Quando sei entrato a far parte dell’Ordine?

Ho iniziato a frequentare l’ordine nel 1990, a 19 anni, come volontario barelliere, introdotto da un membro dell’Ordine.

Sono stato ricevuto nell’ordine come membro nel 2008.

Quali sono i principi fondamentali all’interno dell’Ordine?

I principi fondamentali sono espressi dal motto tuitio fidei et obsequium pauperum, testimonianza della fede e aiuto dei poveri e dei bisognosi. 

La partecipazione all’ordine è tesa ad un percorso di santificazione dei propri membri attraverso l’esercizio della virtù della carità verso il prossimo.

Virtù evangelica che caratterizza il percorso di vita dei membri dell’ordine, sia religiosi (che hanno emesso voti di povertà castità e obbedienza) sia laici (che possono emettere promessa di obbedienza, come me). 

Quanto tempo ci vuole per un nuovo membro per entrare e come avviene l’inserimento ?

Non c’è un tempo determinato.

Si tratta di un percorso di formazione spirituale e di attività caritative, di maturazione dei valori melitensi (fede e carità) che vengono vagliate dai superiori.

L’inserimento avviene mediante la partecipazione alle attività di ciascuna delegazione presenti su tutto il territorio (pellegrinaggi, giornate con malati, incontri di formazione spirituale) . 

Come è gestito il rapporto con la chiesa?

L`Ordine di Malta è un ordine religioso laicale che venne riconosciuto indipendente con la bolla papale di Papa Pasquale II nel 1113 ed ancor oggi, tale requisito, consente lo svolgimento nel mondo di fini caritativi propri dell’Ordine,

Canonicamente l’Ordine è sotto l’egida del Pontefice che, attualmente, è rappresentato dal Delegato Pontificio il Cardinale Silvano Maria Tomasi. 

Mi racconti un aneddoto che ricordi con il sorriso?

Alla presentazione delle mie lettere credenziali come Ambasciatore del Sovrano Ordine di Malta presso la Repubblica della Namibia, il Presidente della Repubblica della Namibia mi ha offerto un bicchiere flut per brindare, insieme ad altri ministri. 

Nel bicchiere c’era acqua, un bene preziosissimo per un paese molto arido come la Namibia. 
Un altro episodio meraviglioso è stato ballare a 40 gradi sotto il sole insieme ai bambini del nostro asilo, alle suore, ai genitori e alla comunità di Rundu in Namibia, in occasione della festa di consegna dei diplomi di fine anno.

L’Ambasciata ha realizzato e gestisce una cittadella nel quartiere più povero della città di Rundu, composto da un asilo, una mensa, una sartoria ed un Ambulatorio. 

Quale situazione che hai vissuto ricordi con maggior emozione?

A Lourdes, durante un Pellegrinaggio internazionale dell’Ordine, insieme alla mia squadra di barellieri mi sono occupato per quattro giorni di un giovane malato. Un ragazzone giovane in carrozzina. Vivace ed allegro.

Lo abbiamo accudito, lavato, curato.

Non dimenticherò mai la sua dolcezza, affetto fraterno e gratitudine. In quella occasione, mentre gli facevamo il bagno, ho scorto davvero Gesù nel prossimo.

Mi è sembrato di averlo vicino. Un esperienza unica, fortificante. Adrenalina pura nel momento in cui discerni dentro di te questo pensiero. 

Qual’è la funzione dell’Ambasciatore all’interno dell’Ordine?

L’ordine di Malta ha oltre 120 rapporti diplomatici bilaterali. In ogni missione vengono svolte attività umanitarie e di aiuto del prossimo, secondo i carismi dell’ordine, senza distinzione di razza e religione.  In ogni realtà ci adeguiamo alle esigenze locali.

Nel nostro caso, data la grande presenza di bambini e l’alto tasso di casi di HIV, ci siamo dedicati in particolare alla loro educazione e formazione.

L’ambasciatore gestisce e coordina questi interventi e intrattiene i rapporti con il governo locale e le autorità. 

Se potessi incontrare un grande del passato chi sceglieresti e cosa gli chiederesti ?

Sicuramente vorrei sapere da San Giovanni Paolo II cosa ne pensa dell’ordine oggi. Un Santo ma un grande uomo che ha vissuto una vita intensa, reale. 

Quanti membri sono presenti in Italia?

Circa 3000 (su 12.000 nel mondo) 

In Proporzione quante donne?

Credo circa un 30%

Qual è il paese in cui sono più presenti i cavalieri di Malta?

L’Italia é comunque il luogo dove si trova la sede dell’ordine dal 1834.

Sicuramente una grande presenza. 

Come viene gestita la comunicazione con l’esterno ?
Esiste a Roma l’ufficio comunicazioni del Gran Magistero che si occupa della comunicazione in tutto il mondo dell’ordine. 

Grazie per l’interessante esplicativa chiacchierata

Intervista in collaborazione con Giulio Garsia ( www.prosperitas.info )

Leggi Ancora
AttualitàculturaEventi

Forte dei Marmi-Villa Bertelli- Sabato 13 Novembre ore 17: I Cavalieri dell’Ordine di Malta e il Mediterraneo. Un impegno tramandato dal 1113 ai giorni nostri.

I Cavalieri dell'Ordine di Malta e il Mediterraneo

Fascino, mistero e storia millenaria del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Questo sarà l’argomento che verrà trattato a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, Sabato 13 novembre alle ore 17.

Relatori saranno Il Prof. Marco Gemignani, Docente dell’Accademia Navale di Livorno che si soffermerà sulla nascita dell’Ordine e ci racconterà quali navi sono state protagoniste della Marina legata ai Cavalieri di Malta e quando è perché la loro attività legata “al mare” ebbe uno stop.

Al suo fianco la Giornalista Ilaria Guidantoni esperta del Mediterraneo che ci guiderà nel comprendere il ruolo e la storia del “mare bianco di mezzo “, un mare chiuso per una società aperta, mare che per quasi mille anni ha visto crescere le attività del Cavalieri di Malta., soffermandosi, successivamente sulla spiritualità da sempre legata all’Ordine.

Interverrà anche l’Ambasciatore Giacomo Berutto Delegato di Pisa dell’Ordine di Malta per raccontare le attività odierne nelle quali i Cavalieri sono coinvolti.

Moderatore dell’incontro sarà il Dott. Alessio Musella.

La serata è promossa dal Dott. Giulio Garsia, Financial Advisor ( www.prosperitas.info )

Leggi Ancora
culturaEventiModa

– Forte dei Marmi- Sabato 11 settembre Villa Bertelli: Dresscode al femminile, le vite di Coco Chanel ed Elsa Schiapparelli.

villa bertelli

Coco Chanel ed Elsa Schiapparelli, protagoniste della rivoluzione nella moda femminile, rivali a Parigi e per certi versi complementari, minimalismo ed eccesso, due correnti che coesistono ancor oggi.

Siamo ad una svolta culturale e sociale che farà della moda non solo un abito ma un manifesto, un’espressione artistica. Se è vero che l’abito non fa il monaco; certo è che un abito racconta molto di una persona.

Fu con Coco Chanel ed Elsa Schiapparelli che le donne cominciarono ad essere vestite da donne e la moda abbandonò gli orpelli e le rigidità dei corsetti anche se, come accennato, con stili completamente diversi, quasi coetanee, attraversando un secolo.

Coco Chanel ebbe in antipatia “l’artista che cuce” come la definì con disprezzo, “l’italiana che fa vestiti”, un complimento per la Schiappa, come si faceva chiamare, certamente dotata di maggior ironia della collega francese.

Due personalità, due idee di stile diverso: il rigore, l’essenzialità di Chanel dialogherà con il colore della Schiapparelli, marchi che ancora oggi raccontano il fascino al femminile e che per la prima volta hanno reso il profumo un oggetto di culto facendone la cassa di risonanza di una maison: Chanel n. 5 e la bottiglia a forma di corpo femminile disegnata da Leonor Fini sono arrivate fino a oggi.

Donne ribelli, trasgressive ma anche grandi imprenditrici, impegnate nel sociale.

A parlarne sarà Ilaria Guidantoni, giornalista e scrittrice, insieme alla Stiilista Mariateresa Grilli e alla Modella, fotografa e scrittrice Elisabetta Valentini ,un viaggio attraverso due vite, molte città e paesi e certamente lungo un secolo di storia della moda.

Guiderà la conversazione Alessio Musella per la serata in veste di moderatore .

Serata promossa da Giulio Garsia www.prosperitas.info

Leggi Ancora
ArteAttualità

-Villa Bertelli-Forte dei Marmi- L’arte e la spada. I cavalieri di Malta, raffinati mecenati, a cura della storica dell’arte Francesca Rachel Valle, domenica 11 luglio ore 18.00 Giardino dei lecci.

www.prosperitas.info

La storica dell’arte Francesca Rachel Valle presenterà la conferenza l’arte e la spada. I cavalieri di Malta, raffinati mecenati. 

L’Ordine dei cavalieri di Malta è riuscito nel tempo a custodire capolavori dei maestri più importanti della storia dell’arte. 

Un nome fra tutti: Caravaggio, di cui Francesca Rachel Valle parlerà, con particolare riferimento al periodo passato dall’artista a Malta sotto la protezione dei Cavalieri quando era in fuga dopo la condanna ricevuta nel 1606 a Roma.

I cavalieri furono raffinati mecenati e grandi collezionisti e l’incontro di domenica sarà un affascinante affresco da scoprire in compagnia di un’appassionata e profonda esperta d’arte. 

Ai giorni nostri, l’Ordine è riconosciuto in 110 Paesi come ordine cavalleresco e può essere definito un ordine religioso dipendente dalla Santa Sede e con finalità assistenziali. 

La conferenza sarà preceduta da un intervento del Delegato di Pisa dell’Ordine di Malta.

L’ambasciatore Giacomo Berutto, che parlerà della storia dei Cavalieri e si soffermerà sulle attività che portano avanti nei nostri giorni. 

L’evento è promosso da Giulio Garsia financial advisor. ( www.prosperitas.info )

Ingresso libero. Necessaria prenotazione 0584 787251

Leggi Ancora
ArteEventi

Domenica 13 giugno ore 18.00 Forte dei Marmi, Villa Bertelli presenta: Il fascino segreto di Tiziano a cura di Francesca Rachel Valle.

Tiziano

Torna il meraviglioso mondo dell’arte a Villa Bertelli,  con l’incontro Il fascino segreto di Tiziano, a cura della storica dell’arte Francesca Rachel Valle, in programma domenica 13 giugno alle 18.00 nel Giardino dei lecci, nell’ambito della rassegna L’altra Villa, promossa dal Comitato di Villa Bertelli a Forte dei Marmi.

Un viaggio interiore, attraverso la pittura di Tiziano Vecellio, pittore veneziano, che insieme al conterraneo Giorgione, è l’inventore del tonalismo veneto. Imprenditore, amato dai potenti della sua epoca, segna il passaggio del linguaggio iconografico rinascimentale ad una visione più moderna, proiettata verso l’uomo contemporaneo. Francesca Rachel Valle, con il consueto garbo e la riconosciuta competenza, parlerà della grande capacità tecnica e inventiva di questo immortale artista, che ha il merito di essere riconosciuto come autore internazionale, eppure la sua grande forza espressiva si manifesta come una visione più intima dei personaggi ritratti.

Un elegante invito alla scoperta di un lato inedito della sua arte.

Evento promosso e sponsorizzato da Giulio Garsia Financial Advisor. Ingresso libero. Necessaria prenotazione 0584 787251

Leggi Ancora
ArteLibri

Raffaello Vaticano, alla scoperta dei suo tesori nelle sacre stanze papali, di Antonio Damiano

Antonio Damiano

Antonio Damiano è uno storico e critico d’arte che ama l’arte e la bellezza da quando ha 5 anni grazie anche a suo padre che dipingeva in casa.                                    

I suoi studi sono stati sempre legati alla storia dell’arte.

Si è laureato in Storia e Critica dell’Arte all’Università degli Studi di Salerno e la sua missione è quella di poter promuovere l’arte e la bellezza come strumento per poter sconfiggere l’ignoranza ed elevare la società a un nuovo umanesimo che riscopra la propria identità culturale per creare un mondo migliore dove regni l’armonia e il dialogo tra le varie culture del mondo.  

Il suo primo libro si chiama RAFFAELLO VATICANO: ALLA SCOPERTA DEI SUOI TESORI NELLE SACRE STANZE PAPALI e l’ha scritto come omaggio personale in occasione dei 500 anni della morte del grande artista di Urbino Raffaello Sanzio. 

Il titolo è diviso in due ossia:

RAFFAELLO VATICANO in cui tratta il periodo romano di Raffaello alla corte dei papi Giulio II e Leone X .

ALLA SCOPERTA DEI SUOI TESORI NELLE SACRE STANZE PAPALI in cui prende in considerazione  le opere di Raffaello custodite all’interno dei Musei Vaticani in particolare le Stanze Vaticane ma anche gli Arazzi della Cappella Sistina, la Loggia di Raffaello, i ritratti dei Pontefici Giulio II e Leone X degli Uffizi,i progetti architettonici(San Pietro e Villa Madama),il Raffaello Archeologo e la Trasfigurazione della Pinacoteca Vaticana. 

Una particolarità del primo libro è quello dell’innovazione tecnologica in quanto utilizzo la tecnologia dei QR-CODE per poter far visualizzare le immagini delle singole opere raccontate e questo è stato possibile grazie al permesso speciale dato dai Musei Vaticani.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                

Leggi Ancora
Attualitàeconomiaspettacolo

Arturo Artom, Economia, Ingegno e lungimiranza!

arturo artom

Classe 1967 , nasce a Torino Arturo Artom laureato in ingegneria, è un imprenditore italiano che si è impegnato, durante gli anni, nel campo delle telecomunicazioni in Italia

Nel 1993 fonda  la Telsystem, la prima compagnia telefonica privata a fare concorrenza all’allora SIP che di fatto permette per la prima volta  alla neonata Autorità Antitrust ad ottenere l’apertura del mercato.

Grazie a questa sua intuizione divenuta realtà diventa  prima Vice-President di Omnitel e in seguito Amministratore Delegato di Viasat, azienda leader nei servizi di localizzazione satellitare

Nel 2000 crea  Netsystem SpA, società leader a livello europeo per l’ADSL via satellite.

Nel 2004 da vita a Artom innovazione, un fondo che ha lo scopo di stimolare e sostenere tutti gli investimenti volti a coniugare il Made in Italy con la tecnologia.

In continua evoluzione Artom crea nel 2006, la YourTrumanShow Inc., prima società europea nel settore del Web 2.0 costituita direttamente in Silicon Valley, società a cui si deve la creazione dell’algoritmo di video-search.

Un’esperienza in campo innovativo che si è riversata anche nel campo della comunicazione: da anni l’imprenditore anima il Cenacolo Artom,

un format televisivo, dove ospita leader provenienti da differenti settori, dall’arte al design, dall’imprenditoria allo spettacolo, personaggi che raccontano la propria vita condividendo il mix unico di talento e fortuna che li ha portati al successo e si confrontano scambiandosi idee e prospettive sul futuro.

È fondatore di Artom Production per la produzione di documentari sulle eccellenze italiane per il mercato internazionale.

È stato Senior Advisor di Accenture ed è stato membro del Comitato di Presidenza di Assolombardia.

Da sempre vicino a Casaleggio, non ha apprezzato lo spostamento così a sinistra del Movimento 5 stelle, ma è conscio della necessità della real politik.

L’imprenditore è anche Presidente nonché fondatore del Forum della Meritocrazia.

E’ possibile  seguire il manager sul suo account twitter per rimanere sempre aggiornati su di lui.

Clikkando su link sotto riportato potrete leggere La proposta di Arturo Artom : “Banche, trasformiamo tutte le moratorie in prestiti rinegoziati, portando la garanzia al 90%”. pubblicata da La stampa.

CLIKKA

Leggi Ancora
ArteAttualità

Dove sono “Le Vele” di Turcato donate alla Città di Viareggio?

le vele di turcato

Barbara Paci, capogruppo del gruppo misto a Viareggio, ha ritrovato le “ vele” di Turcato all’interno di un ala di villa Borbone, lasciate a se stesse, piene di polvere ed in uno stato di abbandono preoccupante.

Le ha trovate in pessime condizioni non riposte come un’opera d’arte di quel valore, sia artistico che economico richiederebbe.

Le “ vele”, o meglio, le Oceaniche di Giulio Turcato devono essere assolutamente restaurate al più presto e ricollocate in piazza Puccini, nel luogo dove l’artista le voleva donandole alla Città di Viareggio.

Barbara Paci,da storica dell’arte e tecnico in questo settore specifico non riesce ad immaginare il perché dover lasciare un’opera così importante che è stata donata alla città di Viareggio in questo stato di totale abbandono e noncuranza.

Ormai è passato diverso tempo da quando è stata inaugurata la nuova piazza Puccini, dove questa particolare scultura mobile era stata posizionata, dopo varie ipotesi sulla collocazione.

Una scultura monumentale che l’artista Giulio Turcato ha voluto donare nel 1990 alla città di Viareggio, luogo dove ha deciso di vivere gli ultimi anni della sua vita e dove ha voluto essere sepolto.

Delle forme che richiamano le tavole da surf, i colori dell’estate e, grazie ai suoi piedistalli mobili, potevano ruotare a seconda del vento.

La migliore collocazione secondo Turcato doveva essere di fronte al mare o in piazza Puccini, dove furono collocate.

La spesa per installare questa grande opera non fu poca, circa 50 milioni di lire dati dalla banca Toscana per poter vedere le Oceaniche oscillare così come avrebbe voluto il maestro, ma si sa il tempo ed il salmastro corrodono tutto e questa scultura non è rimasta immune al passare inesorabile del tempo.

Quando la prima amministrazione Del Ghingaro decise di ristrutturare piazza Puccini fece rimuovere tutte le Oceaniche e il giorno dell’inaugurazione non vennero ripristinate, nonostante i lunghi tempi per ottenere i permessi e fare i lavori, circa un anno, che ha comportato la chiusura della piazza.

Alle varie polemiche, siamo a fine dicembre 2019, il sindaco Giorgio Del Ghingaro risposte con questa frase “ La verità è sempre banale, a volte perfino scontata e ovvia:

Le famose “ Vele” di Turcato sono state tolte dalla nuova Piazza Puccini perchè i piedistalli avevano bisogno di manutenzione, erano corrosi e il vento poteva rendere pericolosa l’opera d’arte.

Saranno sistemati, con tutti i crismi del caso e il tutto riprenderà nuova vita in un luogo più visibile, in maniera da farne risaltare ancora di più la colorata bellezza.”

La stessa motivazione che ha riconfermato nel luglio 2020, ma sono passati in totale due anni e non è stato ancora fatto niente.

Di questa risposta ne fummo tutti contenti, ma allora perché Barbara Paci ha  ritrovato queste sculture in un magazzino e non al centro di restauro a Firenze?

Quanto tempo ci vuole per ristrutturare dei piedistalli? O meglio cambiarli?

Non mi sembra che si stia dimostrando una grande lungimiranza sulla cultura e sui simboli che stanno a cuore alla città da parte di questa amministrazione dalla quale non vorremmo un altro spot elettorale come risposta, ma una risposta reale sulle tempistiche effettive e sul prossimo collocamento di questa opera, che Barba Paci ricorda,

è stata donata da uno dei più apprezzati artisti del ‘900 alla città di Viareggio.”

Leggi Ancora
1 2
Page 2 of 2